Libro Apocalittico e Occulto 666, IO SONO IL DIAVOLO – Glen Duncan

666, IO SONO IL DIAVOLO – Glen Duncan

Prima dei lupi mannari fu Lucifero. A opera di Glen Duncan, poliedrico scrittore inglese di origini indiane, un po’ enfant prodige nel mediocre panorama letterario degli ultimi anni.

Duncan è ormai arcinoto alla massa per la sua trilogia sui licantropi (per ora editi i primi due volumi, L’ultimo lupo mannaro e L’alba di Talulla, di cui ci siamo occupati anche sul nostro portale), ma in verità è anche autore di romanzi non strettamente di genere. 666, io sono il diavolo è tra questi.

Infatti, pur essendo un’opera incentrata sulla figura del Diavolo, non lo si può rigorosamente definire un romanzo horror. E’ semmai un ironico, irriverente, filosofico ritratto del supremo demonio ai tempi nostri, una storia assurda pennellata di qualche dettaglio pulp su un Satana che rinegozia un patto con Dio, e accetta di vivere per un mese nel corpo del fallimentare scrittore  Declan Gunn (palese alter-ego del nostro autore) nel tentativo di ri-meritarsi il Paradiso. E mentre la fine del mondo s’approssima, Declan-Lucifero fa di tutto meno che votarsi alla santità, scoprendo che essere umani è perfino più divertente che essere il Diavolo, e comincia così ad avvicinarsi ad una visione molto mondana della vita, mentre ci snocciola la sua versione (quella, come dire, non propriamente ortodossa) sulla sua Caduta, sulla sua natura, sull’Inferno, sul peccato e sul ruolo del  male  nella storia del mondo.

L’edizione italiana, già dal titolo e dalla copertina, ha decisamente spinto sul risvolto horror che un libro come questo poteva rivelare. Di fatto non troverete esorcismi, possessioni, nefandezze, ma una biografia scanzonata , luciferinamente artefatta, furbetta, condotta con quel linguaggio articolato e con quella stesura vagamente ricercata che caratterizzeranno anche le ultime due opere di Duncan, e che costituiscono allo stesso tempo pregio e difetto della sua scrittura.

Se infatti Duncan si pone spesso una spanna sopra tanti autori, mescolando sapientemente ironia e volgarità, citazioni e goliardia, e cercando sempre e comunque la riflessione arguta e originale, tende anche talvolta ad autocompiacersi e a perdere il filo del suo stesso gomitolo.

La figura del Demonio e il soliloquio che caratterizza l’80% del romanzo ben si prestano a far scatenare il nostro autore nella stesura di un Lucifero decisamente alternativo, tutto sommato simpatico e molto umano, un antieroe che pare fare il grosso per non svelarsi poi in tutte le sue debolezze.

In rete si vocifera di un film tratto da questo libro, ma pare ci sia ancora molto da aspettare prima che esca nelle sale.

666, io sono il diavolo - VOTO: 2,5/5

Anno: 2010 - Nazione: Italia - Pagine: 280 - Prezzo: € 14,90
Autore: Glen Duncan
Edito da: Newton Compton
Traduttore:
Data di uscita in Italia: Gennaio 2010 - Disponibile in eBook:

Simona Bonanni – has written 77 posts on this site.
Simona da piccola aveva paura dei vampiri, oggi non ne può più fare a meno, a costo di incappare in libri e film di discutibile qualità. Artisticamente onnivora, è attratta da tutto ciò che è strano, oscuro e singolare. Divora pagine in gran quantità, scrive, fotografa, crea e dà molto credito a tutto quello che le passa per la testa. Ma l’unico che l’ascolta è il suo gigantesco gatto nero.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Horror Community

Focus on

Categorie degli articoli

ebook gratis


    Ai lettori di Horror.it, regaliamo una ghost story inedita di Andrea G. Colombo. Buona lettura!
  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: